.
Annunci online

LaLottaDegliDei
Contro la stupidità umana, non vi aspettate aiuto da me
Link

Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

blog letto 1 volte


Il mio primo blog

La mia libreria

Sul mio comodino, ora c'è

More about Memorie di un rivoluzionario

Epitaffio:
Contro la stupidità umana
anche gli dei lottano invano

F. Schiller



Sezione Banner

BlogItalia.it - La directory italiana dei blog


Questo blog non è un quotidiano, nè una rivista.
Non ha un aggiornamento fisso, quindi non si possono applicare
le norme relative alla stampa.
Dove possibile è sempre citata la fonte delle immagini, foto o disegniche compaiono nel blog.I commenti stupidi e le gratuite pubblicità verranno eliminati dal titolare del blog il prima possibile o comunque non appena ne verrà a conoscenza.
Licenze


Tutti i testi di questo blog sono pubblicati sotto una Licenza Creative Common



Il bue e l'asino
24 gennaio 2010

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. bertolaso haiti televisione

permalink | inviato da Roland il 24/1/2010 alle 18:11 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
Via Berlusconi
29 dicembre 2009

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Craxi Berlusconi corruzione via

permalink | inviato da Roland il 29/12/2009 alle 20:9 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
La Cina siamo noi
17 dicembre 2009
Bene, a quel che risulta, diamo dei punti alla Cina.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. berlusconi cina censura foto

permalink | inviato da Roland il 17/12/2009 alle 8:12 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
Muri e T-Shirt
17 dicembre 2009

Vogliono abolire le parole ed i pensieri.

E se ricominciassimo a scrivere sui muri?

E se indossassimo tutti magliette con le scritte?

E se camminassimo borbottando tra noi frasi contrarie al governo?

Butterebbero giù i muri, tutti.

Ci straccerebbero le magliette.

Ci picchierebbero sui denti.

Ma se non ci fosse nessuno, dico proprio nessuno e niente da buttar giù, da stracciare, da manganellare, cosa farebbero?

Se li lasciassimo soli, ci mettessimo in fila al di là delle Alpi, al largo nel Mediterraneo, ad osservarli mentre rimangono soli, che farebbero?

Con le televisioni spente nelle case, le concessionarie vuote, i supermercati vuoti, le chiese vuote, le fabbriche vuote.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. italia governo internet censura muri

permalink | inviato da Roland il 17/12/2009 alle 2:3 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
China world
16 dicembre 2009

Magari è normale, e forse accade anche in altri paesi che un governo provi a cancellare immagini non gradite.

Poi, questi paesi forse si chiamano Cina, Vietnam, Iran, Cuba, ed allora le mani sono proprio legate, oppure si chiamano Stati Uniti, Francia, Olanda, Spagna, e ne viene fuori quanto meno un bell'imbarazzo per il governo stesso.

Ora l'Italia, in quale gruppo si trova?


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. censura italia cina internet

permalink | inviato da Roland il 16/12/2009 alle 13:13 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
Determinazioni
14 dicembre 2009
Gente, via dall'Italia.
Chi può, chi ha la possibilità, chi ha il coraggio.
Via, fuori subito da questo paese.
Si sta preparando una dura battaglia per la successione, poteri strani che si mescolano a squilibrati decennali per giustificare ogni prossima mossa di controllo e di restrizione.
Leggeremo solo la pagina dei fumetti di quei pochi quotidiani, e se non vorremo guardare per forza il Grande Fratello, il TG1 o robaccia del genere, l'unica alternativa sarà quella di tenere spenta la tv.
Fare una passeggiata in piazza, ma non più di due o tre alla volta.
Quindi, se qualcuno mi legge, se qualcuno di quelli che passano qui ha meno di vent'anni ed una vita ancora da progettarsi, un consiglio: mettete da parte le vostre paghette, i soldini che vi verranno regalati per Natale o per il compleanno.
Se studiate, terminate gli studi e poi cercatevi una università all'estero.
Se lavorate, cercate di vedere se potete essere trasferiti in Francia, in Spagna, in Inghilterra, da qualche altra parte insomma.
Se non fate niente di tutte e due queste cose, fatevi bene i conti, guardatevi dentro, capite cosa sapete fare e cosa vi piace fare.
Poi studiate, e qualunque cosa andate a farla da qualche altra parte.
Questo è un paese di vecchi, di preti e di fascisti.
Se rimango qui vi farò sapere come va a finire.
Sto già allevando i piccioni viaggiatori.

Ultravioletto
8 dicembre 2009
Il 5 dicembre è passato, ed ora?
Voglio dire, credo che se non si vuole fare lo stesso errore dei partiti che organizzano le manifestazioni, che subito dopo se ne dimenticano, bisognerà pur continuare questa onda di protesta.
Intanto, protesta verso chi?
Contro Berlusconi e i suoi? troppo semplice. Berlusconi è quel che è, ma è soprattutto l'immagine di un sistema che ha completamente sovvertito ogni dialogo democratico.
Il problema, a mio avviso, sta nella democrazia, o meglio nelle sue leggi.
E' stata modificata dal Parlamento la legge elettorale _del_ Parlamento, che così si è trasformato nel consiglio di amministrazione di una sua azienda. Legalmente.
La moglie del ministro della Sanità è presidente di Federfarma. Nessuna legge lo impedisce.
Possiede televisioni, quotidiani, periodici, assicurazioni, società di edilizia, circuiti di distribuzione dei film. Nessuna legge lo impedisce.
Ha nominato ministri dei personaggi che con la politica hanno poco a che fare. Nessuna legge lo impedisce, e da nessuna parte c'è scritto che debbano avere particolari competenze nel ministero che sono chiamati a reggere.
E' ossequioso della Chiesa in modo quasi imbarazzante. Lo hanno fatto in tanti, seppur con stili diversi, ma nemmeno questo è impedito dalla legge.
Trova cavilli per non andare ai processi. Sono cavilli previsti da un codice penale, quindi legali.
Questo sistema si è naturalmente espanso ai suoi accoliti, ed anzi è favorito da chi ha necessità di approfittare delle pieghe del sistema penale; se i beni della mafia verranno messi all'asta (con ottime probabilità di ritornare nelle mani degli stessi mafiosi), questo verrà fatto con una legge Finanziaria. Legale, mi pare.
Girando per le strade immagino che sarà capitato anche a voi di notare una maleducazione diffusa, un po' la sindrome del Suv: io ce l'ho più grosso, e quindi mi infilo dove mi pare.
Ci sono personaggi più presentabili e completamente impresentabili, e vengono utilizzati a mestiere per far pendere varie bilance da una parte o dall'altra.
Insomma, una manifestazione contro il Berlusconismo, estensione degli anni '90 del Craxismo degli anni '80.
Bene, ripeto, ed ora?
Vogliamo continuare a votare per candidati scelti dalle segreterie o ci piacerebbe avere visibilità del voto?
Vogliamo lasciare che a decidere del futuro nostro, e dei nostri figli, siano personaggi che sono molto più distaccati dalla vita reale del mio avatar su Second Life?
Il voto è diventato una merce, in modo palese come mai lo è stato prima d'ora, e come tale può essere venduto e comprato.
Perchè allora non boicottarlo, come le scarpe costruite in Vietnam o la Coca-Cola?


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. governo boicottaggio no b-day onda viola

permalink | inviato da Roland il 8/12/2009 alle 20:51 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa
Un sindaco di razza (e che razza...)
24 novembre 2009
Sei una stronza

(in questo post non è citato nessun comunista)

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Milano Moratti Rom scuola

permalink | inviato da Roland il 24/11/2009 alle 22:30 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
Coerenze
23 novembre 2009
Io non credo che esista Dio.
Un Dio qualunque, intendo, quello dei cristiani o quello dei musulmani, quelli degli induisti o di qualunque altra religione.
Non me ne voglia chi è credente, io non lo sono.
Non vado in giro a convertire altri all'ateismo, o all'agnosticismo, e non voglio che gli altri mi rompano le palle cercando di convertire me.
Questo post è rivolto ai cristiani, quelli cioè che credono che Gesù, probabilmente figura profetica vissuta realmente un paio di millenni fa, sia il figlio di Dio.
Vi chiedo solo una cosa, una cosa, prima di venire a rompermi i coglioni perchè io non sono credente.
Prima, rileggetevi il vangelo, e quello che Gesù diceva sugli ultimi, sui diseredati ed i derelitti.
Poi, giudicate quei legislatori che pretendono di essere la verità assoluta.
Solo dopo, potrete venire a dirmi che sono un miscredente.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Gesù coerenza religione

permalink | inviato da Roland il 23/11/2009 alle 6:5 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
POLITICA
Del doman non v'è certezza
10 novembre 2009
Dunque, dove non può la legge, lo fa l'inganno. Sempre per legge, ma inganno rimane, e l'articolo potete trovarlo qui. Fini ha barattato con il solito piatto di lenticchie qualche presidenza di regione, e quando parla di rafforzare il potere del Parlamento mente, sapendo di mentire, almeno fino a che ci sarà una legge elettorale come quella che abbiamo in Italia.
Ancora di più mi fanno rabbrividire i commenti di Berlusconi e Ghedini sulla vicenda di Cosentino; Capezzone vabbè, non parliamone nemmeno.
Poi abbiamo una vera e propria disinformazione da parte di Minzolini, che afferma, mentendo, che l'immunità parlamentare non esiste più dal 1993 e bisogna ripristinarla; nonèunacosaseria spiega piuttosto bene le modifiche fatte in questo senso alla Costituzione.
L'opposizione, di tutto quel che accade, sembra non preoccuparsene. Avrei pensato che, con uno scatto d'orgoglio ritrovato, gli iscritti al PD si sarebbero riversati in massa nelle piazze, con volantini, tazebao, striscioni, bongas, per far sentire la voce dell'opposizione, per far sentire campane diverse da quella ufficiale.  Invece, niente.
Credo sia completamente inutile continuare ad indignarci per le bugie che questo governo sta raccontando all'Italia, alla fine si risolve tutto nel leggerci e parlarci addosso.
Proprio perchè le bugie sono tanto palesi, alla fine si stenta a credere che siano bugie, ed alla fine a qualcosa va a finire che si crede.
Tutti quelli che invece per tigna sono convinti che siano bugie, e che non crederebbero nemmeno all'ora esatta se ad annunciarla fosse Gasparri o Giovanardi, continuano a non crederci.
Così non si va da nessuna parte.
Soprattutto mi preoccupa il dopo Berlusconi; intendo, prima o poi ci sarà pure un dopo no?
I poteri nascosti, quelli che vedono i propri interessi difesi da questo governo e dai suoi legali, staranno sicuramente facendosi la stessa domanda.
Se la sta certamente ponendo la mafia, che ha sempre cercato una sponda nei governi italiani, se la sta ponendo la chiesa cattolica, che aumenta le richieste in vista di un futuro cambiamento di persone al governo, se lo chiedono le industrie farmaceutiche, rappresentate e ben difese dalla moglie del ministro della salute, Sacconi.
L'informazione è ormai una proforma, e su quel piano la battaglia è già persa da almeno una decina d'anni.
Il diritto del lavoro è stato completamente stravolto con la reintroduzione nel 2008 del contratto a chiamata, mentre chi protesta per la difesa del proprio posto di lavoro rischia di essere malmenato 
dai mercenari del padrone della fabbrica; quindi anche i grandi capitalisti si chiedono chi potrà essere il loro prossimo riferimento governativo.
Non vedo soluzioni a questa situazione, in verità.
Forse può essere un'idea smettere di andare a votare, visto che la maggior parte di noi non può permettersi di smettere di pagare le tasse; smettere di comprare i quotidiani, smettere di comprare i libri alla Mondadori, evitare di comprare da Mediashopping e chiudere il proprio conto di banca Mediolanum, ridare indietro il decoder di Mediaset, e magari pure il digitale base, riportandoli direttamente davanti a Palazzo Chigi, così che il presidente del consiglio possa ridarli al fratello Paolo.
Ma questo, impedirebbe di scendere la china che ci sta portando ad essere la prima democrazia dittatoriale d'Europa?
Come possiamo dimostrare che l'esperimento sociale è fallimentare, ed evitare che si ripeta in qualche altra nazione dell'Europa allargata?

sfoglia
dicembre