.
Annunci online

LaLottaDegliDei
Contro la stupidità umana, non vi aspettate aiuto da me
Link

Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

blog letto 1 volte


Il mio primo blog

La mia libreria

Sul mio comodino, ora c'è

More about Memorie di un rivoluzionario

Epitaffio:
Contro la stupidità umana
anche gli dei lottano invano

F. Schiller



Sezione Banner

BlogItalia.it - La directory italiana dei blog


Questo blog non è un quotidiano, nè una rivista.
Non ha un aggiornamento fisso, quindi non si possono applicare
le norme relative alla stampa.
Dove possibile è sempre citata la fonte delle immagini, foto o disegniche compaiono nel blog.I commenti stupidi e le gratuite pubblicità verranno eliminati dal titolare del blog il prima possibile o comunque non appena ne verrà a conoscenza.
Licenze


Tutti i testi di questo blog sono pubblicati sotto una Licenza Creative Common



CULTURA
Divieto di educare
14 agosto 2008
Oggi vorrei commentare tre notizie, tre notiziole semplici semplici.
La prima, quella riportata da Repubblica. Due ragazze portate in questura, identificate, ed una tenuta in guardiola per una notte perché scambiate per prostitute. In Italia non siamo mai stati molto disponibili verso le nuove idee, i nuovi modi di pensare, o le nuove persone. Chi non la pensa come noi è sicuramente diverso, chi ha abitudini diverse dalle nostre non ha capito come gira il mondo, chi usa le proprie capacità per qualcosa che non siano gli affari propri è un imbecille.
E chi si siede sui gradini di una chiesa, non si porta appresso i documenti, ha un viso chiaramente non italiano, è logicamente un borseggiatore, se maschietto, una prostituta, se femminuccia. Roma è sempre più evidentemente una città provinciale, in cui l'educazione si misura dal numero di divieti ed il rispetto delle regole è dato dalla bravura delle forze dell'ordine con manganelli e pistola. Nel senso della rivoltella.
Qui si aggancia la seconda notizia, letta sul Corriere: i divieti in spiaggia e nelle piazze italiane. Non rifaccio qui l'elenco, lo potete leggere nell'articolo; dico soltanto che l'educazione non può essere insegnata a suon di divieti. Se mio figlio scende a giocare a pallone alle due del pomeriggio in estate, dovrei essere io il primo a rimproverarlo perché fa rumore in un orario dedicato, in genere, alla pennichella. Non dovrebbe riportarmelo il poliziotto tenendolo per un orecchio. Non capisco perché non posso mangiare un panino a Venezia mentre a Milano si.
Non voglio commentare i divieti, vorrei commentare il fatto che stiamo diventando siamo diventati un popolo di maleducati e poco avezzi a rispettare le regole. E l'unica risposta è quella di aumentare le regole da rispettare. Non per tutti, naturalmente, ma certo i turisti sono un bel patrimonio da spennare in estate, anche da parte dei comuni.
E dopo l'educazione veniamo alle parole del ministro dei beni culturali, il sempre vispo sandro bondi.
Che lui non capisca niente di arte moderna ci sta pure; ma a me fa paura il suo continuo rivolgersi alla spiritualità, alla bellezza, ed a quello che capisce lui..
In questi giorni di festa vorrei andare a vedere la Quadriennale di Arte Moderna qui a Roma. Di arte moderna capisco veramente poco poco, ma se non cerco di imparare qualcosa rimarrò ignorante sempre. Dovrei prendere un catalogo, naturalmente, così da capire meglio quel che vedo, o almeno informarmi sugli autori. Alcuni miei amici non comprendono per niente la musica jazz, e nemmeno le poesie giapponesi (in giapponese), o arabe (in arabo).
Diciamo un'ovvietà?
Non è che tutte le cose che non si capiscono sono brutte, è semplicemente che non si capiscono, che non abbiamo il vocabolario adatto per comprenderle. Ed un paese che si rispetti dovrebbe invogliare a comprarli, questi vocabolari, non a chiudere gli occhi.

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. educazione arte moderna divieti

permalink | inviato da Icekent il 14/8/2008 alle 11:32 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa
SOCIETA'
Il TAR della scuola
6 agosto 2008
Mi ha colpito la notizia della promozione 'ex lege' di uno studente piemontese.
I giudici, bontà loro, hanno sicuramente applicato la legge alla lettera credo mancando di qualunque buon senso educativo, ma non è compito della magistratura.
Il ricorso è probabilmente stato presentato dai genitori del ragazzo, ed è questa cosa che mi lascia perplesso.
Veramente i genitori credono che, nonostante il grado accertato di impreparazione del proprio rampollo, passare alla classe successiva sia un bene?
L'istruzione a quanto pare non serve, quel che necessita è un pezzo di carta che consenta, al termine del ciclo scolastico, di partecipare a un qualche concorso pubblico, ed intanto attivarsi per migliorare la conoscenza con il sindaco, qualche assessore, il farmacista o il parroco.
Occorre dire che, almeno, qui ci si è rivolti al Tribunale; altre volte ci sono state minacce fisiche a presidi e professori per evitare le bocciature.
E' in ogni caso un gradino sceso verso il fondo di una scala che mette invece, al gradino più alto, la voce Essere Furbi, anzi, Furbetti. Non credo che la scuola possa permettersi di portare la questione al Consiglio di Stato, rischierebbe di perdere nuovamente, e poi non ha certo i soldi necessari per un contro ricorso.
Non credo che dovrebbe intervenire nemmeno il Ministero dell'Istruzione, dopotutto non son cose che lo riguardino direttamente, e le scuole dipendono dalla Provincia.
Immagino però l'esempio che questo ragazzo, tornato in classe con i propri compagni, sarà per i suoi amici, chiunque si sentirà in diritto a non studiare visto che, tanto, la scuola non avrà i fondi necessari per i corsi di recupero per tutti, e basterà impugnare la sentenza per avere una promozione certa.
Ed alla fine degli studi una licenza scientifica che sarà semplicemente un foglio di carta da dimenticare in qualche armadio.
Quel che mi intristisce è la mancanza di prospettiva futura che i genitori, alcuni perlomeno, hanno per i propri figli.
E' come essere arrivati alla fine del mondo: a che serve studiare, lavorare, innovare, pensare, se tanto poi il mondo sta finendo? (almeno qui in Italia)


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. società scuola educazione

permalink | inviato da Icekent il 6/8/2008 alle 10:25 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
sfoglia
maggio        dicembre