.
Annunci online

LaLottaDegliDei
Contro la stupidità umana, non vi aspettate aiuto da me
Link

Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

blog letto 1 volte


Il mio primo blog

La mia libreria

Sul mio comodino, ora c'è

More about Memorie di un rivoluzionario

Epitaffio:
Contro la stupidità umana
anche gli dei lottano invano

F. Schiller



Sezione Banner

BlogItalia.it - La directory italiana dei blog


Questo blog non è un quotidiano, nè una rivista.
Non ha un aggiornamento fisso, quindi non si possono applicare
le norme relative alla stampa.
Dove possibile è sempre citata la fonte delle immagini, foto o disegniche compaiono nel blog.I commenti stupidi e le gratuite pubblicità verranno eliminati dal titolare del blog il prima possibile o comunque non appena ne verrà a conoscenza.
Licenze


Tutti i testi di questo blog sono pubblicati sotto una Licenza Creative Common



6 agosto 1945
6 agosto 2008
Il mattino del 6 agosto 1945 alle ore 8.15 un bombardiere B-29 Superfortress sganciò su Hiroshima una bomba atomica.
Il nome dell'aereo era Enola Gay, dal nome della madre del pilota Paul Tibbets.
L'esplosiione avvenne a circa 600 metri da terra, e morirono tra le 70mila e 80mila persone.
Negli anni successivi si sono stimate oltre centomila vittime da radiazione; nel 2002 risultavano ancora oltre 200mila persone con sintomi da radiazione.
La bomba atomica sganciata su Hiroshima fu la seconda di questo tipo fatta esplodere sulla Terra; la prima esplosione, il Trinity Test,  avvenne il 16 luglio del 1945 nel deserto di Alamogordo, in New Mexico, dove era stata creata la grande base del Progetto Manhattan che portò alla costruzione della bomba.
La bomba atomica, o bomba A, prevede l'utilizzo di Uranio235 o Plutonio239 (come la bomba di Nagasaki).
Il nucleo di un atomo con massa atomica superiore a 230 può essere diviso in due nuclei più leggeri tramite il bombardamento con neutroni liberi.
  Questi neutroni vengono catturati dal nucleo di Uranio (o Plutonio) creando un nucleo instabile; questo significa che l'energia del sistema non è in grado di mantenere unita la materia del nuovo nucleo, che quindi si divide in due nuclei leggeri entro
un millesimo di miliardesimo di secondo.
Questa rottura, o fissione, libera da due a tre neutroni, che possono quindi essere usati per continuare il processo di fissione di altri nuclei, ma soprattutto libera una quantità di energia pari all'1% circa della massa (ricordate, E=mc2? ecco, è proprio quella lì).
Affinchè avvenga una esplosione è però necessario che sia raggiunta una massa critica, ossia un certo quantitativo di materiale fissile che, insieme, possa generare abbastanza energia da creare una esplosione.
L'energia viene liberata sotto forma di fotoni (le particelle senza massa che compongono anche la normale luce visibile, le onde elettromagnetiche che ci fanno vedere TV e radio, i raggi X) ad alta energia, ossia raggi gamma.
Inoltre i frammenti degli atomi di uranio (i due nuclei leggeri che si sono formati in seguito alla fissione) sono isotopi instabili, ossia elementi che possiedono un numero di neutroni maggiore del normale e quindi tendono a perderlo, emettendo  particelle alfa (ossia nuclei di elio), particelle beta (elettroni ad alta energia) e neutrini in modo che i neutroni in eccessi si trasformino in protoni.
Il tempo di decadimento del Cesio137 è di 31 anni, del Kripto85 è 11 anni, tempi quindi confrontabili con la vita di un essere umano e dei suoi figli.
Il principio su cui opera la bomba atomica è identico a quanto avviene nelle centrali nucleari a fissione, e per mantenere sotto controllo la massa di materiale fissile (uranio) nel reattore si utilizzano delle barre di piombo che vengono inserite al suo interno per assorbire i neutroni emessi.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. atomica hiroshima

permalink | inviato da Icekent il 6/8/2008 alle 14:42 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
sfoglia
giugno        ottobre